Dall'esperienza la Sintesi

Questo lavoro mi è stato ispirato dalla Vita e dai vari compagni-maestri che Essa mi ha fatto incontrare, a tutti va il mio grazie.

 

"Le Costellazioni della Vita"

Le Costellazioni della Vita sono un metodo di esplorazione e conoscenza delle dinamiche psichiche, nel quale le varie componenti interiori vengono rappresentate e fatte interagire.

Un Abbraccio Lega - Un Abbraccio Scioglie

Ispirato al metodo di Bert Hellinger, questo lavoro ci aiuta a rilevare i profondi legami d’amore che uniscono i componenti di un sistema familiare, ci aiuta a comprendere come accadimenti o situazioni dolorose che viviamo, non sempre ci appartengono, ma spesso sono il risultato del disordine che si è verificato all’interno del nostro albero genealogico. La relazione con i nostri genitori, con la famiglia allargata, con la società e la cultura in cui viviamo, sono fondamentali nella creazione del nostro “sentire” e del nostro “pensare” e di conseguenza anche del nostro “agire” o “non agire”. La presa di coscienza delle nostre dinamiche relazionali e delle cause più profonde che le governano sono già di per sé uno strumento di guarigione che ci alleggerisce e ci dà la forza di affrontare la nostra quotidianità in modo diverso, consapevoli che, non importa quali siano queste cause, il tenerle nascoste provoca un profondo dolore che porta a malesseri fisici e psichici, il rivelarle invece, per quanto angoscioso possa essere, è tollerabile, perché “solo la verità è sopportabile”.

Siamo abituati a considerarci come esseri singoli, separati da tutto il resto. Nel lavoro sistemico non si negano né l'unicità, né la diversità del singolo individuo, ma si riafferma che "Il Tutto è parte di una Totalità più grande".

Bert Hellinger parla della "Grande Anima": ciò che cerco di fare nel mio lavoro è di mettere in sintonia qualcuno con questa forza. Io stesso mi sottometto a questa forza, sono in sintonia con essa, e dunque lavoro così con qualche cosa che passa soltanto attraverso me.

 

"Le radici emozionali e spirituali della propria esistenza"

Conoscersi meglio significa essere più presenti alle emozioni, dirigere i pensieri consapevolmente, riconoscere le proprie capacità e i propri limiti, coltivare una visione dinamica di sé, aprirsi all’incontro e alla collaborazione con gli altri, riconoscere ideali, valori e aspirazioni, innalzare il livello d’attenzione del corpo, saper essere.

Dinamiche e ordini nei sistemi familiari e nelle relazioni umane; Maschile e femminile; Dare e prendere; Altruismo e egoismo; Come verbalizzare con naturalezza, descrivere la realtà senza inferenze o proiezioni, eliminare le tensioni dell’aiutare ed entrare nell’armonia del riconoscere ciò che è; Stati diversi di coscienza: l'altruismo l'amore e la compassione; le esperienze che trascendono lo spazio e il tempo; le esperienze spirituali d'illuminazione, di risveglio e di profonda consapevolezza sensoriale.

è saggezza conoscere gli altri, è illuminazione conoscere se stessi.
Il conquistatore di uomini è potente il maestro di se stesso è forte.
E’ ricchezza essere contenti, è arroganza imporre il proprio volere agli altri.
Costanza è mantenere il proprio posto.
Lunga vita è morire e non perire. (Lao Tzu)

I buoni pensieri generano buone azioni, e cattivi pensieri generano cattive azioni. L’odio non si annulla mai con l’odio,
l’odio cessa con l’amore. (Gautama Buddha)

La persona umana è una realtà unica, come unità di corpo vivente e anima” (E. Stein)